Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.

Il ministro Poletti: "Ridurre le vacanze degli studenti"


Il ministro Poletti: "Ridurre le vacanze degli studenti"

 

 
Perché ora si devono sacrificare le vacanze degli studenti, dopo che negli ultimi sette anni i Governi hanno pensato bene di cancellare centinaia di ore di offerta formativa?
A chiederlo è Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario organizzativo Confedir, nel commentare le dichiarazioni rilasciate oggi dal ministro del lavoro Giuliano Poletti, durante un convegno a Firenze sui fondi sociali europei, per il quale “un mese di vacanza va bene, un mese e mezzo ma non c'è un obbligo di farne tre. Magari - ha proseguito il ministro - uno potrebbe essere passato a fare formazione, una discussione che va affrontata"

Questa discussione, ricorda parecchio, un ritorno ad una formazione impostata già in età scolare, come avveniva ai tempi del ventennio fascista con i piccoli balilla.

 
 

Informazioni aggiuntive